Questo sito contribuisce alla audience di

A Bari parcheggiare non sarà più uno stress con l’app Bee-P

Shares

Il suo nome è Bee-P ed è un’app mobile gratuita in grado di individuare all’interno della città, a distanza, i posti auto liberi, ed il Comune di Bari l’ha già resa disponibile in rete e attivabile direttamente dal suo portale.

Nata dall’iniziativa, unica in Italia, dell’associazione barese ‘Genitori in campo’ e realizzata dalla società di grafica L’ink, Bee-P è una community che attraverso un’app mobile, totalmente gratuita, consente di identificare la disponibilità di parcheggio in aree pubbliche urbane, il tutto mettendo in contatto i conducenti che cercano un posto auto con quelli che stanno per lasciarlo libero.

Inoltre, attraverso il sistema di geolocalizzazione, Bee-P può essere usata in tutta Italia“Come amministrazione comunale – ha detto l’assessore comunale all’Innovazione, Angelo Tomasicchio – abbiamo accolto con favore l’impegno dell’associazione ‘Genitori in campo’. Un impegno che si inserisce nell’ottica di una innovazione che parte dal basso, direttamente dai cittadini. Oggi sono i cittadini stessi a proporre progetti innovativi alle pubbliche amministrazioni che recepiscono le loro proposte, con l’obiettivo comune di rendere la propria città sempre più ‘smart’. Questa app, in particolare, andrà oltre il compito di ridurre i tempi di attesa nella ricerca di un parcheggio perché, mettendo in relazione diverse persone, accentua il senso di comunità e di solidarietà tra i cittadini, puntando sulla cooperazione”.

“Per la prima volta abbiamo deciso di occuparci di una tematica differente da quelle che generalmente la mia associazione porta avanti – ha spiegato la presidente dell’associazione ‘Genitori in campo’, Valentina Porzia – spinti dall’entusiasmo e dalle capacità innovative di un nostro socio. L’idea di creare una app utile per la riduzione delle emissioni di CO2 senza dubbio contribuirà a migliorare la qualità dell’aria in città senza discostarci dagli scopi sociali che da sempre perseguiamo. I Bee-pers, gli utilizzatori dell’app, avranno sull’autovettura un adesivo a forma di ape, insetto riconosciuto nel mondo animale come cooperatore e organizzatore, proprio per segnalare l’uso dell’applicazione”.

 

 

Dario Ciraci

Pugliese, consulente di Web Marketing, Blogger e fondatore dell'agenzia Webinfermento.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top