Questo sito contribuisce alla audience di

Imprenditoria femminile: le agevolazioni al Sud

Shares
Imprenditoria femminile: le agevolazioni

Le donne nelle stanze nei bottoni sono ancora poche. Una su quattro, secondo l’Osservatorio dell’imprenditorialità femminile di Unioncamere, che mostra come solo 2,5 milioni di cariche nelle imprese italiane siano ‘rosa’. E allora, per invertire questo trend, c’è bisogno di una presenza ancor più massiccia di donne all’interno delle imprese.

Per favorire la nascita di realtà imprenditoriali che parlino al femminile, esistono una serie di incentivi e agevolazioni. Vediamone alcune.

I finanziamenti per l’imprenditoria femminile

Nuove Imprese a tasso zero

Una delle agevolazioni più note è “Nuove Imprese a tasso zero” di Invitalia. Dedicata ai giovani e alle donne di tutte le età, mette a disposizione fino a 1.5 milioni per progetti di impresa in tutti i settori economici. Possono partecipare al bando le imprese femminili costituite da meno di 12 mesi e le donne che vogliono avviare una nuova attività.

Il programma Cultura Crea

Finanziato con il Pon “Fesr Cultura e sviluppo”, il programma Cultura Crea aiuta le nuove iniziative imprenditoriali e no profit nei settori culturali e turistici per valorizzare le risorse del meridione (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia). L’opportunità è rivolta a tutti ma le imprese e cooperative femminili possono avere fino al 45% di finanziamenti senza interessi e di contributi a fondo perduto per la creazione di un’impresa.

Protocollo d’intesa dell’ABI

Ci sono poi i finanziamenti previsti dal Protocollo d’intesa dell’ABI e le principali associazioni di categoria italiane, prorogato fino al 31 dicembre 2019, con tre linee di finanziamento per sostenere l’accesso al credito delle imprese femminili e delle lavoratrici autonome nelle diverse fasi del ciclo di attività.

“Investiamo nelle donne” – un gruppo di finanziamenti pensati per supportare le imprenditrici a realizzare nuovi investimenti, e sviluppare l’attività di impresa o la propria professione;

“Donne in start-up” – un insieme di finanziamenti pensati per creare start up al femminile o per avviare il proprio studio professionale;

“Donne in ripresa” – ovvero una serie di finanziamenti finalizzati a favorire la ripresa delle PMI e delle lavoratrici autonome che, per effetto della crisi, attraversano una momentanea situazione di difficoltà.

Fondo di Garanzia per Imprese Femminili

Un’opportunità unica come sostegno per l’accesso al credito delle piccole imprese.  La sezione speciale del Fondo di Garanzia dedicata alle imprese femminili permette un più agevole accesso al credito bancario per queste imprese. L’impresa femminile che richiede la garanzia del fondo riceve una garanzia pubblica fino all’80% del totale dell’operazione, con una priorità di istruttoria e delibera, ma soprattutto senza sostenere costi aggiuntivi per l’emissione della garanzia.

Come ottenere finanziamenti imprenditoria femminile

Per conoscere le agevolazioni e i finanziamenti per l’imprenditoria femminile è possibile visitare i siti di Invitalia e del Ministero per lo Sviluppo Economico, con i dettagli delle misure previste per le imprese in rosa.

 

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un like a Resto al Sud

 ATTENZIONE 

Si avvisano tutti i gentili utenti di www.restoalsud.it e delle nostre pagine Social che, per motivi non dipendenti dalla nostra volontà, stanno arrivando email contenenti virus informatici dall’indirizzo di posta elettronica di Resto al Sud che invitano ad aprire un file compresso *.zip contenente un virus (riconosciuto ed eliminato comunque dai migliori antivirus), simulando una risposta ad una mail propria o di terzi ed inserendo il testo del mittente per intero.
Vi esortiamo quindi a STARE MOLTO ATTENTI alle email di questo tipo e a non aprire mai l’allegato in esse contenuto.
Grazie mille e buona giornata.

Top