A lezione dagli ‘eroi laici’: nella scuola di Pula un murale per Falcone e Borsellino

Shares
Murale contro la mafia a Pula, in Sardegna

Un murale in memoria dei giudici Falcone e Borsellino, uccisi per mano della mafia negli attentati del 1992. Da oggi si trova su una parete del campo da basket della scuola media dell’istituto comprensivo Benedetto Croce a Pula, località turistica a una quarantina di chilometri da Cagliari, sulla costa sud occidentale.

Sotto la più nota tra le fotografie dei due magistrati, ridisegnata da due giovani street artists locali, The Answer e Kofa, compaiono i nomi di tutte le vittime dei due attentati e un cielo stellato sullo sfondo che esprime la voglia e il desiderio di giustizia e libertà.

Non li avete uccisi, le loro idee camminano sulle nostre gambe“, ha sottolineato il sindaco di Pula, Carla Medau all’inaugurazione alla quale hanno partecipato, tra gli altri, il prefetto e il questore di Cagliari, Tiziana Giovanna Costantino e Pierluigi d’Angelo, con Maria Claudia Loi, sorella di Emanuela, la poliziotta che perse la vita a 24 anni nella strage di via D’Amelio. In collegamento telefonico anche Manfredi Borsellino, figlio di Paolo: “I ragazzi – ha evidenziato – sono i veri protagonisti di questa giornata, confido tantissimo in loro e credo che sapranno valorizzare al massimo il sacrificio che mio padre e Giovanni Falcone hanno voluto compiere”. Alla cerimonia anche gli studenti delle medie e elementari che hanno voluto leggere i loro pensieri in omaggio ai due “eroi laici”, come li ha definiti il magistrato Ettore Angioni.

L’arte al servizio dell’impegno sociale – ha concluso la Medau – è importante mantenere viva la memoria, educare le nuove generazioni ai temi e ai valori della giustizia e della legalità”. Anche per questo sono stati proiettai video e lette testimonianze tra cui una lettera di Maria Falcone, sorella di Giovanni. La giornata è culminata con la presentazione di un progetto ideato dall’amministrazione comunale in collaborazione con l’istituto Benedetto Croce, per la reintroduzione delle lezioni di Educazione civica a scuola.

Monica Surace

Nata a Reggio Calabria il 20/07/1976 residente a Campobasso dal 2000 iscritta all’Ordine dei Giornalisti Regione Molise dal 2006 – Categoria Pubblicisti Collaboro con l’emittente televisiva TLT Molise in qualità di giornalista: lettura telegiornale, redazione di servizi, pianificazione palinsesto ed interventi diretti in format politici, economici. Direttrice del sito Lexgenda.it - a carattere prevalentemente giuridico. Giornalista per Tiscali – area Nord. Addetta stampa per campagne di promozione specifiche per aziende. Curatrice di uffici stampa politici Ho lavorato: - come responsabile di redazione per il Molise a Il Sannio Quotidiano - come giornalista per il Molise a Il Tempo - come giornalista a La Gazzetta del Molise e Campobassoweb - come giornalista a il Roma – Salerno - responsabile della comunicazione di progetti dell’ufficio Presidenza del Congresso dei poteri locali e regionali del Consiglio d'Europa a Strasbrurgo - Referente progetti comunitari di gruppi politici regionali

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top