I 133 mila meridionali che (in un solo anno) hanno lasciato il Sud

Shares

“Sull’Italia volteggia sempre più pericoloso il fantasma povertà”, sottolinea una ricerca del centro studi della Cna.

“Sette anni di crisi stanno affondando le regioni meridionali e insulari, che sono le più a rischio indigenza d’Europa, ma dal Lazio alla Liguria l’allarme riguarda anche aree fino a pochi anni fa considerate benestanti”. Secondo il rapporto, “sono 17,3 milioni gli italiani in condizioni di disagio economico e a rischio di esclusione sociale. Più di Germania (16,2 mln), Regno Unito (15,6 mln), Spagna (12,6 mln) e Francia (11,2 mln)”.

E “non migliora la valutazione del rischio povertà in termini percentuali. Nel nostro Paese riguarda il 28,4% della popolazione, contro una media dell’Unione europea a 28 Stati pari al 24,5%, con Spagna al 27,3%, Regno Unito al 24,8%, Germania al 20,3% e Francia al 18,1%. Peggio dell’Italia, nella Ue, sta solo la Grecia, dove i poveri o quasi-poveri sono il 35,7% del Paese”.

Dal 2008 in poi “è cresciuto di 2,23 mln (+14,7%) il numero degli italiani il cui tenore di vita è sceso sotto la soglia di povertà, vivono cioè in famiglie con un reddito inferiore al 60% di quello medio, trasferimenti sociali inclusi” Per la Cna, “a impressionare maggiormente è l’ampiezza del disagio sociale raggiunta nel Mezzogiorno: in Sicilia riguarda ormai oltre il 55% della popolazione e supera il 40% dappertutto, tranne Sardegna (31,7%) e Abruzzo (26,2%). Sono dati che pongono un terzo del Paese al livello delle regioni più povere di Bulgaria, Grecia, Ungheria”.

E rispetto alle economie più avanzate della Ue (23% di popolazione a rischio povertà), “anche Lazio (26,6%), Liguria (24,5%), Marche e Umbria (23,3%) appaiono in situazione critica. “Forte” la ripresa dell’emigrazione interna: “Nel solo 2013 sono stati 133mila i meridionali che si sono spostati nel resto del Paese”.

Nel Mezzogiorno “il reddito medio delle famiglie dove l’entrata principale deriva da lavoro autonomo è di 27.546 euro, quasi 16mila in meno che al Nord, dove arriva a 43.272 euro”.

Gioviana Tedeschi

Gioviana Tedeschi, giornalista pubblicista di Lucera (Fg). Attualmente addetto stampa e responsabile del Fondo Ambiente Italiano, Gruppo FAI Lucera, e di una rubrica pubblicitaria sul web. Corrispondente per emittenti locali, vicina al mondo della sensibilizzazione, prosegue la sua formazione scientifica presso l'Università degli Studi di Foggia.

Comments (2)

  • Avatar

    GIGI

    3 Gennaio 2015 - 14:35

    E’ CERTAMENTE UN FENOMENO IN INCREMENTO CHE DEVE DESTARE NON POCHE PREOCCUPAZIONI,PECCATO CHE CHI DOVREBBE HA FATTO POCO E CONTINUA FARE POCO PER I NOSTRI GIOVANI

    Rispondi
  • Avatar

    Dino Nicotra

    3 Gennaio 2015 - 18:39

    E ancora questi dementi che ci governano parlano di crescita ma dove vivono questi deficienti,si sveglino o vanno a casa in quanto sono indegni di rappresentare la sicilia pulita ed onesta.

    Rispondi

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top