Salvati dall’export. Ma a caro prezzo per tutti

Shares

La nostra economia è sostenuta, oggi, soltanto dalle esportazioni: le esportazioni sono il solo ed unico modo che abbiamo di immettere nell’economia denaro ‘nuovo’: dal momento che lo Stato, grazie alla spesa in pareggio, non lo fa più. Letteralmente e semplicemente così.

Dove accade che le nostre esportazioni siano vantaggiose ? In Europa? No, evidentemente; qui è la Germania che la fa da padrone.

Dunque, salvo chiedersi: che ci stiamo a fare, allora, in Europa? Se non ci conviene? Altra domanda è: dove, allora le nostre esportazioni sono vantaggiose? Risposta: In tutto il resto del mondo.

Non sarà per questo, la butto lì, che i nostri due militari sono stati (e sono) detenuti in India, senza che il Governo abbia fatto -sostanzialmente- nulla per liberarli? Perché, se l’India chiudesse le sue importazioni, noi ci troveremmo in difficoltà?
Bene. O quello che è. A che prezzo noi possiamo essere competitivi con le esportazioni? Al prezzo di tenere bassi i nostri salari, perché è questo (e soltanto questo) che tiene concorrenziali i prezzi dei nostri prodotti.

Quindi noi ‘cresciamo’, cioè, vendiamo di più, se guadagniamo tutti di meno. Questa è la crescita promessa dall’euro. Semplicemente.

Gennaro Varone

Gennaro Varone, nato a Taranto il 16 maggio 1964. Magistrato dal 1989, attualmente con funzioni di sostituto procuratore presso il Tribunale di Pescara.

One comment

  • Avatar

    Filippo

    5 Novembre 2014 - 20:52

    bella crescita questa…… lo scrivo con sarcasmo ed ironia…
    oggi ci ritroviamo ad avere dei competitor esteri che non hanno molti vincoli nella produzione, purchè quel che producono sia competitivo… anche se il prezzo da pagare è l’ambiente, il salario degli operai e i diritti di questi ultimi…non vale la pena di essere nell’euro, a meno che tutti gli stati membri si ritrovino x 18 mesi nelle stesse condizioni della germania. non credo che questo sia ciò che i nostri cugini tedeschi vogliono… e cioè dare la possibilità a tutti gli stati membri della ue di avere ipsofacto un disavanzo di 1000miliardi di euro , (ogni anno dal 2000 al 2014 sono un bel gruzzoletto)!!! …. avessimo pure noi la stessa efficienza nella manutenzione e in generale in altre cose sarebbe tutta un’altra storia!!!!

    Rispondi

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top