Questo sito contribuisce alla audience di

Festa della musica 2017: Blandizzi con le donne del carcere di Pozzuoli

Shares

Nella Casa Circondariale Femminile di Pozzuoli, in occasione della Festa Internazionale della Musica, il 21 giugno alle ore 15:30, si terrà un concerto di Lino Blandizzi insieme alle detenute. Duetti e brani inediti che anticiperanno il suo progetto “VocisospesediDonne“, laboratorio di musica e scrittura da lui diretto. Il cantautore, che già in precedenza ha apportato il suo contributo in vari eventi, intende sperimentare, cercando di entrare nel mondo interiore delle ospiti del carcere, per creare e elaborare le loro “cadute“, quei passi sbagliati, che hanno privato loro della libertà.

Costruire un più che immaginario legame di comprensione e di sollievo che il potere della musica sa regalarci. Storie che diventano canzoni. In passato è stato anche realizzato un CD singolo di una nuova versione del brano “Nessuno è più diverso“, che l’artista ha inciso con le voci delle Donne del penitenziario. Sarà una sana “evasione” in musica, spiega Blandizzi, un evento che farà circolare tante emozioni, oltre ai pensieri, ai sentimenti, ai patimenti e ai sogni delle detenute. Un concerto organizzato in sinergia con la Direzione della Casa Circondariale, l’ufficio educatori, il comandante, gli ispettori, le ispettrici, e gli agenti di Polizia Penitenziaria.

Maria Stella Rossi

Giornalista e scrittrice con attenzione costante per la storia, i saperi della tradizione e quelli artistici della sua regione, il Molise, nella quale ha scelto di restare, vive in un borgo, Cerro al Volturno, paese a ridosso del Volturno, con castello turrito del XV sec. Autrice di volumi dal carattere storico-artistico quali Il Tombolo nel cuore di Isernia, libro che traccia attraverso l’oralità e le memorie locali la storia di un’arte manuale arrivata ad Isernia nel XV secolo; Le benedettine di San Vincenzo al Volturno( incentrato sulle figure umane, spirituali e culturali delle monache benedettine americane che hanno rifondato il cenobio dell’VIII sec.); Fornelli tra storia e tradizione; Parole canzoni preghiere ed altro in dialetto fornellese con cd di antichi canti e preghiere di fine Ottocento; ha contribuito alla scrittura delle guide turistico- culturali: Scapoli e il Museo della zampogna; Agnone e l’Alto Molise; Il tombolo di Isernia, una suggestione dal passato. Ha realizzato ( in collaborazione ) il Museo civico del Tombolo di Isernia; ha pubblicato la raccolta di racconti Guasti, il volume Alla corte di Valentino ( con Sebastiano Di Rienzo, sarto del noto stilista); scrive per la rivista D’Abruzzo, periodico di turismo- cultura- ambiente, per la rivista Il Ponte Italo-americano che si pubblica negli USA, per il giornale Il Quotidiano del Molise, per i magazine CriticArt e Enneti notizie teatrali e di cultura, per i giornali on line ecodelmolise, gambatesaweb, colibrimagazine, altosannio, teleaesse. Ha vinto il premio speciale di Giornalismo culturale nel 2004. Si interessa di critica d’arte e di cura di cataloghi d’arte. E’ stata nominata dalla Rete Italiana di Cultura popolare ( Torino), Cercatore di Tracce; è ideatrice, organizzatrice e promotrice di convegni, presentazioni e del premio letterario nazionale ( in collaborazione) L’Iguana- Castello di Prata Sannita –CE; ha ideato e realizzato dvd dal carattere artistico; componente di associazioni culturali per la valorizzazione e la diffusione della cultura locale e nazionale.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un like a Resto al Sud

 ATTENZIONE 

Si avvisano tutti i gentili utenti di www.restoalsud.it e delle nostre pagine Social che, per motivi non dipendenti dalla nostra volontà, stanno arrivando email contenenti virus informatici dall’indirizzo di posta elettronica di Resto al Sud che invitano ad aprire un file compresso *.zip contenente un virus (riconosciuto ed eliminato comunque dai migliori antivirus), simulando una risposta ad una mail propria o di terzi ed inserendo il testo del mittente per intero.
Vi esortiamo quindi a STARE MOLTO ATTENTI alle email di questo tipo e a non aprire mai l’allegato in esse contenuto.
Grazie mille e buona giornata.

Top