Il No alla camorra è uno spettacolo

Shares

C’è uno spettacolo che racconta la rivolta di un uomo, il suo “no” alla Camorra.

E’ lo spettacolo «Tentata Memoria» diretto da Nicola Laieta.

La drammaturgia e l’ideazione della piéce portano la firma di Eduardo Ammendola, neuropsichiatra infantile, psicoterapeuta e attore/regista teatrale ottavianense, che parte dai suoi ricordi di infanzia e non solo per raccontare la storia di Mimmo Beneventano.

Medico, comunista militante, cattolico praticante e consigliere comunale dal 1975 a Ottaviano, Beneventano ha sempre dimostrato di aver coraggio nel denunciare pubblicamente gli atti camorristici di Raffaele Cutolo e di chi lo seguiva, usando parole dure e dirette.

Ma il suo coraggio è stato punito nel novembre del 1980 quando le minacce sono diventate realtà e il giovane medico viene sparato e ucciso davanti alla madre.

Da questo momento Eduardo ha cominciato ad incontrare nel suo cammino Mimmo: nei sogni, nei racconti di chi lo ha conosciuto, nelle sue poesie e quasi sempre per caso.

Le rappresentazioni di “Tentata memoria” – come racconta il Corriere del Mezzogiorno – sono organizzate per offrire e favorire esperienze del proprio territorio e del proprio tessuto sociale, emotivamente pregnanti e cognitivamente significative e d’orientamento alle scelte e al passaggio cui i minori e le relative famiglie sono chiamati nel loro ciclo vitale di microcomunità fondanti la macrocomunità.

Il lavoro di gruppo della messa in scena di questo monologo/evento nasce da tre urgenze.

La prima è quella di tenere viva una storia che tende a sparire e sminuirsi.

La seconda è quella di fare tesoro delle persone che hanno cura e di trasmetterne l’eredità.

La terza è quella di fare tutto questo in un modo non tipico dello spettacolo e dell’arte nelle loro convenzioni attuali, ma tipico della nostra antropologia d’origine. In epoche passate si cantava e si raccontava perché era necessario, e non perché era un lavoro.

Iwona Harezlak

Mi chiamo Iwona e sono laureata in Filologia polacca. Da 8 anni vivo in Italia di cui amo storia, usi e tradizioni. Nell'anno 2010 ho frequentato il corso di italiano con certificato rilasciato dall`Univerisità di Perugia. Sto collaborando con le scuole come mediatore culturale. Con aziende pubbliche e private come traduttore e con vari siti e portali editoriali come: Gosalute.it, Lookout.tv, Primapress.it. Sono Iscritta a Registro Pubblico dei Mediatori Culturali della Provincia di Foggia.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top