La casa del futuro si progetta in Campania

Shares

Materiali ecosostenibili, risparmio energetico, sicurezza strutturale, soluzioni innovative come abitazioni con sensori in grado di individuare il numero di persone presenti in un ambiente o pitture in grado di assorbire anidride carbonica in eccesso, ma anche attività di diagnostica, valutazione della vulnerabilità sismica e progetti di recupero architettonico, funzionale, strutturale ed impiantistico di edifici storici.

Sono questi gli ingredienti principali dei progetti di Stress, il primo distretto italiano delle costruzioni sostenibili e delle case del futuro che lavora nel comparto delle costruzioni; un comparto che, nel complesso, vale il 10% del pil nazionale. ”Stress – afferma il presidente del Cnr,Luigi Nicolais – è una formula nuova per mettere insieme chi produce conoscenza e chi la utilizza. Stress entra in un settore, quello delle costruzioni, in totale evoluzione dove sono intervenuti la domotica, l’informatica che di recente ha modificato il modo di concepire un distretto. Questo richiede la necessità di mettere insieme competenze diverse e di integrarle con il contributo di ingegneri, fisici, biologi. È un sistema che rappresenta un nuovo modo di guardare al costruito. Questo distretto ha l’ambizione di essere e lo è il primo distretto italiano di questo genere che ha messo insieme competenze del Cnr, dell’università e una rete di imprese che può utilizzare questa produzione di conoscenze”.

Una sfida tutta campana per il rilancio della filiera dell’edilizia sostenibile. ”Siamo orgogliosi di aver creato questo modello dei distretti in Campania, regione che sta avanti rispetto a tanti altri paesi. Fondamentale nei distretti – ha dichiarato il presidente della Regione Campania Stefano Caldoro è l’apporto di capitale umano: creiamo lavoro duraturo e di qualità per il Mezzogiorno che è per noi prioritario”. Dello stesso parere il vicepresidente della Regione, Guido Trombetti: ”la nostra strategia per lo sviluppo e l’innovazione è stata premiata dal Miur per la qualità dei progetti presentati e con il finanziamento più alto ricevuto fra le regioni della convergenza”.

Basilare la sinergia con il mondo delle imprese, come ammesso da Francesco Tuccillo presidente dell’Associazione costruttori edili di Napoli: ”il proficuo rapporto dell’Acen con il distretto Stress è fondamentale per informare le pmi edili, diffondere innovazione e aumentare la competitività”. Per l’AD del Distretto Ennio Rubino: “in questo contesto intendiamo far crescere e valorizzare il network internazionale che già esiste, il tutto nell’ambito di una strategia ben definita tesa alla definizione di un piano di azione a forte vocazione internazionale“.

Roberto Zarriello

Esperto di strategie editoriali e brand journalism, imprenditore digitale, saggista, giornalista. Ho fondato, tra le altre, startup come Digital Media e GoBrand, creato la prima Digital Academy del Sud, e lanciato Comunicatori Digitali Associati, il primo think tank sul giornalismo e la comunicazione digitale. Laureato in Scienze Politiche all’Università degli Studi di Bari, oggi sono Docente di Comunicazione Digitale e Social Media all’Università Telematica “Pegaso” e in vari master universitari (Luiss, Iusve), formatore per gli organi di comunicazione della Corte Costituzionale, web editor dell’ente per il turismo dell’Isola d’Elba. Fino al 2017 ho coordinato la prima Commissione sulla didattica digitale del MIUR istituita dall’USR Molise. Sono stato speaker e moderatore al Web Marketing Festival, Festival del Giornalismo, SMAU, Ninja Talk, ed una serie di convegni e conferenze con Ordine dei Giornalisti, Centro di Documentazione, Primo Piano Formazione, TVLP, e organizzatore de “La Battaglia delle Idee”. Scrivo di comunicazione, web e nuove tecnologie su HuffingtonPost.it, coordino il social media team di Tiscali.it, e collaboro con il gruppo Espresso. Sono autore di libri per il Centro di Documentazione Giornalistica e per Franco Angeli Editore. Nel 2015 ho ricevuto il premio Giornalistico Nazionale ‘Maria Grazia Cutuli’ per la categoria “Web, Editoria digitale”.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top