Roberto Alajmo

Roberto Alajmo è nato a Palermo nel 1959 e a Palermo dice lui "insiste a vivere". Scrittore, giornalista e drammaturgo italiano. Collabora con diverse testate nazionali. Giornalista professionista [1], dagli anni '90 è assunto al TG3 Sicilia della RAI e collabora con diverse testate nazionali. Dal 2012 è nella redazione della rubrica "Mediterraneo" [2]. Il suo primo romanzo pubblicato è stato nel 1986 "Una serata con Wagner". Sue opere sono tradotte in inglese, francese, olandese, spagnolo e tedesco. Con il romanzo "Cuore di madre" è secondo classificato al premio Strega e premio Selezione Campiello, premio Verga, premio Palmi). È stato docente a contratto di Storia del Giornalismo alla facoltà di Scienze della Formazione dell'Università di Palermo e consigliere d'amministrazione del teatro Stabile di Palermo. Con "Notizia del disastro" ha vinto il Premio Mondello e con il libro "L'arte di annacarsi" ha vinto il Premio letterario Antonio Aniante. Suoi racconti sono stati pubblicati nelle antologie La porta del sole (Novecento, 1986), Luna Nuova (Argo, 1997), Raccontare Trieste (Cartaegrafica, 1998), Sicilia Fantastica (Argo, 2000), Strada Colonna (Mondello, 2000), Il Volo del Falco (Aragno, 2003), Racconti d'amore (L'ancora del mediterraneo, 2003) Inoltre ha scritto il libretto dell’opera Ellis Island, con musiche di Giovanni Sollima (Palermo, Teatro Massimo, 2002). Il suo romanzo È stato il figlio è stato trasposto, nel 2012, in un omonimo film per la regia di Daniele Ciprì, con Toni Servillo come interprete protagonista. Il 27 settembre 2013 è nominato direttore dell'Ente Teatro Biondo Stabile di Palermo succedendo al regista teatrale Pietro Carriglio [3]. Fra i suoi libri: "Un lenzuolo contro la mafia" (Gelka 1993 e Navarra 2012) "Almanacco siciliano delle morti presunte" (Edizioni della Battaglia, 1996) "Le scarpe di Polifemo" (Feltrinelli, 1998) "Notizia del disastro" (Garzanti, 2001, Premio Mondello). "Cuore di Madre"(Mondadori, 2003, finalista ai premi Strega e Campiello. "Nuovo repertorio dei pazzi della città di Palermo" (Mondadori, 2004) "È stato il figlio" (Mondadori, 2005, finalista al premio Viareggio e vincitore del SuperVittorini e del SuperComisso). "Palermo è una cipolla" (Laterza, 2005) "1982 - Memorie di un giovane vecchio" (Laterza, 2007) "La mossa del matto affogato"(Mondadori, 2008, premio Pisa). "L'arte di Annacarsi - Un viaggio in Sicilia" (Laterza, 2010) "Tempo Niente" (Laterza, 2011) "Arriva la fine del mondo (e ancora non sai cosa mettere)" (Laterza, 2012) "Il primo amore non si scorda mai, anche volendo" (Laterza, 2013) Per il teatro: "Repertorio dei pazzi della città di Palermo", "Centro divagazioni notturne" e il libretto dell'opera "Ellis Island", per le musiche di Giovanni Sollima. I suoi libri sono tradotti in inglese, francese, tedesco, spagnolo, svedese e olandese.

Vi racconto una #barzelletta sulla #corruzione al #Nord e al #Sud

Mi permetto di riferire una barzelletta. Lo faccio perché secondo me è la migliore sintesi delle differenze che, a parità

#Mondello era la sua città e lo sarebbe sempre stata

Capitolo primo. Adorava Mondello, la idolatrava smisuratamente… Ah no, è meglio: la mitizzava smisuratamente. Ecco. Per lui in qualunque stagione

#Migranti, salviamo loro per salvare noi

Alle prese con la piena degli immigrati l’Italia sta facendo la solita, ordinaria figura di merda. La vera novità consiste

In Sicilia il disagio di molti si trasforma nel vantaggio di alcuni. #PoveroSud

Bella inchiesta di Attilio Bolzoni sulla distribuzione dell'acqua nelle case di Agrigento [LINK] . Esempio di come la Sicilia sia davvero

Il #talento che manca al Paese

“…I capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi...”. Nessuno

La società ha molto più bisogno di bravi elettricisti che di mediocri avvocati

Il fatto è che a due o tre generazioni di giovani è stato fatto credere che esistano solo professioni, e

Le lunghe file per un piattino di pizzette

S’è detto [LINK] che questa è una crisi che anziché dimagrire fa ingrassare. S’è detto pure che non bisogna aspettarsi

I soprannomi della Sicilia, da padre in figlio

La mia amica Gilda mi suggerisce di scrivere un “Repertorio delle ‘Nciurie”, quei soprannomi che nei piccoli centri della Sicilia

Il collettore delle olgettine di Arcore

Peccato per le ragazze, peccato per l’utilizzatore finale, peccato per gli intermediari a vario titolo: ma dai risvolti dell’inchiesta cosiddetta

Qui in Sicilia se qualcosa può andar bene, andrà male

In questi giorni il destino dell'Ismett (istituto specializzato per i trapianti) è sembrato in bilico. Il rinnovo della convenzione con l'Università

Quando un fanatico armato incontra un mediatore di buona volontà

Per l'Onu, dunque, la soluzione in Libia può essere solo diplomatica. L'Italia stessa spinge per una mediazione. Posizione nobile e

Forse è arrivato il momento di essere meno comprensivi

Il sottoscritto non avrebbe titolo per parlare, avendo creduto, fino a un certo punto della sua esistenza, che “Istituto Comprensivo”

Il nepotismo degli incompetenti

Come forse è noto, il Principio di Peter si articola in tre punti: - In ogni gerarchia, un dipendente tende

Se il segretario generale del Quirinale lavora gratis

Ugo Zampetti è il nuovo segretario generale del Quirinale. Lo ha nominato il neo-presidente Mattarella specificando che non percepirà alcun

Ho nostalgia del futuro

Ti guardi indietro e certo: nostalgia. Nostalgia delle cose che hai avuto, delle persone che hai conosciuto. Delle donne che

I carabinieri con la statuetta del duce

Il carabiniere che ti riconsegna lo scooter è gentile. Il mezzo è malridotto, e adesso ti toccherà anche pagare per rottamarlo.

Se provi a guardare l’abisso

Non è stata la madre. Supponiamo che non sia stata la madre. Ma se fosse stata la madre: perché la

Le capanne di Mondello hanno pudore dei propri segreti

Gli abitanti di Palermo vanno in villeggiatura a Mondello, agglomerato di seconde case che si trova a sette chilometri dal

La morte non basta

Un altro bandolo della matassa di Santa Croce Camerina. Un altro bandolo che ci dice qualcosa di noi, del sistema

Chiedere la pena esemplare è un istinto

"Ci vorrebbe una pena esemplare". E' la frase che ricorre più di frequente quando ci si trova di fronte a

Top