Roberto Alajmo

Roberto Alajmo è nato a Palermo nel 1959 e a Palermo dice lui "insiste a vivere". Scrittore, giornalista e drammaturgo italiano. Collabora con diverse testate nazionali. Giornalista professionista [1], dagli anni '90 è assunto al TG3 Sicilia della RAI e collabora con diverse testate nazionali. Dal 2012 è nella redazione della rubrica "Mediterraneo" [2]. Il suo primo romanzo pubblicato è stato nel 1986 "Una serata con Wagner". Sue opere sono tradotte in inglese, francese, olandese, spagnolo e tedesco. Con il romanzo "Cuore di madre" è secondo classificato al premio Strega e premio Selezione Campiello, premio Verga, premio Palmi). È stato docente a contratto di Storia del Giornalismo alla facoltà di Scienze della Formazione dell'Università di Palermo e consigliere d'amministrazione del teatro Stabile di Palermo. Con "Notizia del disastro" ha vinto il Premio Mondello e con il libro "L'arte di annacarsi" ha vinto il Premio letterario Antonio Aniante. Suoi racconti sono stati pubblicati nelle antologie La porta del sole (Novecento, 1986), Luna Nuova (Argo, 1997), Raccontare Trieste (Cartaegrafica, 1998), Sicilia Fantastica (Argo, 2000), Strada Colonna (Mondello, 2000), Il Volo del Falco (Aragno, 2003), Racconti d'amore (L'ancora del mediterraneo, 2003) Inoltre ha scritto il libretto dell’opera Ellis Island, con musiche di Giovanni Sollima (Palermo, Teatro Massimo, 2002). Il suo romanzo È stato il figlio è stato trasposto, nel 2012, in un omonimo film per la regia di Daniele Ciprì, con Toni Servillo come interprete protagonista. Il 27 settembre 2013 è nominato direttore dell'Ente Teatro Biondo Stabile di Palermo succedendo al regista teatrale Pietro Carriglio [3]. Fra i suoi libri: "Un lenzuolo contro la mafia" (Gelka 1993 e Navarra 2012) "Almanacco siciliano delle morti presunte" (Edizioni della Battaglia, 1996) "Le scarpe di Polifemo" (Feltrinelli, 1998) "Notizia del disastro" (Garzanti, 2001, Premio Mondello). "Cuore di Madre"(Mondadori, 2003, finalista ai premi Strega e Campiello. "Nuovo repertorio dei pazzi della città di Palermo" (Mondadori, 2004) "È stato il figlio" (Mondadori, 2005, finalista al premio Viareggio e vincitore del SuperVittorini e del SuperComisso). "Palermo è una cipolla" (Laterza, 2005) "1982 - Memorie di un giovane vecchio" (Laterza, 2007) "La mossa del matto affogato"(Mondadori, 2008, premio Pisa). "L'arte di Annacarsi - Un viaggio in Sicilia" (Laterza, 2010) "Tempo Niente" (Laterza, 2011) "Arriva la fine del mondo (e ancora non sai cosa mettere)" (Laterza, 2012) "Il primo amore non si scorda mai, anche volendo" (Laterza, 2013) Per il teatro: "Repertorio dei pazzi della città di Palermo", "Centro divagazioni notturne" e il libretto dell'opera "Ellis Island", per le musiche di Giovanni Sollima. I suoi libri sono tradotti in inglese, francese, tedesco, spagnolo, svedese e olandese.

L’imperscrutabilità di Gerusalemme

Posso serenamente dire, dopo 5 giorni vissuti a Gerusalemme, di non averne capito pressoché nulla. Quasi un sollievo, nell'epoca in

E se il voto di scambio fosse legalizzato?

Per quanto possa sembrare scandaloso mettere in discussione il diritto di voto per tutti, più scandaloso dovrebbe apparire ai nostri

Nature morte

Quel che più mi impressiona delle immagini del terremoto non sono tanto le vedute aeree che rendono l'idea della devastazione

La città amante

L’accenno di un’amica fa affiorare una antica conversazione: lei che vorrebbe trasferirsi a Palermo e io che la sconsiglio. E

Le zecche del sistema

«Prima ancora della politica e della ’ndrangheta, il problema della Calabria sono i quadri della pubblica amministrazione». Nicola Gratteri, procuratore

Com’è che non ci abbiamo pensato prima?

Allora: secondo gli ultimi calcoli, costruire sul serio il Ponte sullo Stretto di Messina dovrebbe costare attorno agli otto miliardi

Il tabù del suffragio universale

La questione di una legittima rappresentanza politica dei deficienti rappresenta il nodo centrale della catastrofe antropologica italiana degli ultimi anni.

La Porta di Paladino a Lampedusa

Bisogna andarsela a cercare fino agli scogli di contrada Cavallo Bianco. Insolito posto, per un monumento: a pochi metri dal

Esiste una cosa chiamata “mai più”

Sera avanzata, nella stradina stretta e lunga di via Stesicoro, una specie di corridoio all'aperto dove contro ogni logica giocavamo

L’antica Roma reagì civilmente alla violenza. Una lezione

Raccontano che la prima incursione dei barbari in piena Roma avvenne a sorpresa, nel 390 avanti Cristo, creando il panico

La generazione dei principi bonsai

Il sistema universitario è quello che più di ogni altro è stato fertilizzato dal Darwinismo Invertito. Ogni Barone, nel tempo,

Il miracolo del pianoforte

Nella zona partenze dell'aeroporto di Palermo hanno piazzato da qualche mese un pianoforte. Chi vuole può sedersi e suonare liberamente,

I danni collaterali del precariato

I precari pubblici beneficiati da un minisalario occasionale non si sentono per nulla vincolati al lavoro. Lo considerano un risarcimento

Il modello andaluso: l’Erasmus della politica

L’ideale sarebbe organizzare dei soggiorni all’estero obbligatori per tutti i siciliani che aspirano a cariche pubbliche. Una specie di Erasmus

Il problema non è la cattedrale nel deserto. Ma il deserto

Francesco Merlo stigmatizza l’idea di collocare la Dea di Morgantina nel Museo di Aidone, dove molta meno gente riesce a

Bisogna ammetterlo, la #trazzera dei #grillini aiuta la #viabilità siciliana

Il grillismo è contagioso. Non tanto l'ideologia in sé, quanto la modalità dogmatica dell'azione politica. Basta dire sommessamente che la

Vi racconto come funzionano le cose in #Sicilia

Storiella esemplare di come funzionano le cose in Sicilia. Un ragazzo va a una festa in discoteca. Il posteggiatore gli

Il doloroso #privilegio di aver dormito una notte a #Palmira

Essere stato a Palmira - averci addirittura dormito una notte, e visto l'alba fra le sue colonne - rischia di

Adesso si fa il #processo anche alle #vacanze

L'ultima frontiera del populismo sono le ferie degli altri. Con lo stesso livore con cui si pubblicano gli stipendi di

La #disperazione nazionale che non interessa a nessuno

L’altro giorno il treno su cui mi trovavo ha messo sotto una persona. Ce l’hanno detto dopo un po’ che

Top
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com