Massimo Bray

Massimo Bray è nato a Lecce, ha studiato a Firenze, vive a Roma. Dopo la laurea in Lettere e Filosofia, conseguita nel 1984 e un itinerario da borsista a Napoli, Venezia, Parigi, Simancas, nel 1991 entra all’Istituto della Enciclopedia Italiana fondato da Giovanni Treccani, come redattore responsabile della sezione di Storia moderna dell’Enciclopedia La Piccola Treccani. Non lascerà più l’Istituto, fino all’elezione al Parlamento: nel 1994 ne diviene il direttore editoriale. In questo ruolo, mantenendo intatto il rigore che contraddistingue un’istituzione culturale di così grande prestigio, ne ha seguito l’apertura al web con grande entusiasmo. Il progetto di definire l’Enciclopedia degli italiani online è il modo di interpretare la missione della Treccani nel XXI secolo. La scelta è quella di mettere a disposizione di un numero sempre maggiore di utenti un patrimonio di conoscenza di alta qualità; la convinzione è che il nostro Paese debba elaborare nuove forme di gestione del patrimonio culturale, coniugando la forza dei contenuti con le innovazioni tecnologiche. Massimo Bray è stato anche direttore responsabile della rivista edita dalla Fondazione di cultura politica Italianieuropei, che ha tra i suoi principali obiettivi quello di elaborare analisi e riflessioni pubbliche sui nodi cruciali dell’innovazione politica ed economica europea. La fondazione è un luogo di incontro tra le diverse tradizioni culturali del riformismo italiano. Sull’edizione italiana di Huffington Post è autore di un blog dedicato all’esperienza della cultura, con particolare attenzione all’editoria tradizionale e digitale. Ha presieduto il consiglio d’amministrazione della Fondazione La Notte della Taranta, che organizza il più grande festival europeo di musica popolare, dedicato al recupero della pizzica salentina e alla sua fusione con altri linguaggi musicali, dalla world music al rock, dal jazz alla sinfonica. Grazie al lavoro del gruppo di competenze che gestisce la Fondazione e soprattutto alla straordinaria coralità dei talenti musicali coinvolti nell’Ensemble Notte della Taranta, il festival è divenuto, negli anni, un riconosciuto modello culturale che, di edizione in edizione, non cessando di produrre nuove forme di elaborazione artistica, ha cominciato a produrre interessanti economie per il territorio. Alle elezioni politiche del 2013 è stato eletto deputato nelle fila del Partito democratico e il 28 aprile 2013 è stato nominato ministro per i Beni, le attività culturali e il turismo del governo presieduto da Enrico Letta. Su Twitter è @MassimoBray.

Il cuore della scuola di Matera

Il genocidio del Ruanda (dove a partire dal 6 aprile 1994 furono uccise 800.000 persone) è una delle pagine più

Il mestiere bellissimo di Alessandro

Alessandro Santulli è un ragazzo di trent'anni che vive a Santa Maria Capua Vetere e che si è inventato un

Ecco la Pompei di Lecce

Grazie alla sensibilità di Angela Barbanente,  assessore regionale al territorio della Regione Puglia, che ha ascoltato le richieste delle associazioni,

Gli scavi archeologici sommersi dai rifiuti

Gli scavi archeologici dell'antica #Herdonia (oggi Ordona), città prima dauna e poi romana, si trovano sulle colline del Tavoliere delle

Salviamo il castello di Acquedolci

Il Castello di Acquedolci fu costruito tra il XVII e il XVIII secolo dai principi di Palagonia, a pochi passi

L’economia del ciclismo produce lavoro

L'economia del ciclismo in Europa dà lavoro a più di 650.000 persone. Chi si dedica alla produzione di biciclette, all'organizzazione

La chiesa monumentale abbandonata e saccheggiata

Il complesso domenicano cinquecentesco intitolato a "Gesù e Maria" si trova nel cuore di Napoli e purtroppo è da tempo abbandonato

La ricchezza abbandonata ad Otranto

Il monastero di San Nicola di Casole è stato uno dei luoghi della cultura più importanti e influenti di tutta

Il viaggio della conoscenza che serve ai giovani

È stato emozionante incontrare a Lecce i ragazzi di alcuni licei e discutere con loro dell'Isola di Arturo di Elsa

Aprite al pubblico la terrazza sul Matese

Macchiagodena è un affascinante paesino molisano, inserito nella rete dei Borghi Autentici d'Italia. Per lo straordinario rapporto visivo con i

Il talento di chi difende i canti della Sardegna

Oggi a Santu Lussurgiu ho conosciuto il talento e la dedizione delle persone che formano Hymnos, una fondazione nata per

L’acquedotto patrimonio dell’umanità

Dal 1762 l'Acquedotto Carolino cominciò a trasportare l'acqua dalle sorgenti del Fizzo sul monte Taburno fino al complesso di San

Dico grazie al giudice di Taranto

Grazie al lavoro lungimirante del Gip Fabrizio D'Arcangelo la cifra di 1,2 miliardi di euro, che era stata sequestrata al

Il tesoro di Messina distrutto dall’autostrada

Un luogo della cultura che in tanti mi avete segnalato sui social è la villa romana di Patti Marina, in

Aiutiamo Scicli, patrimonio dell’Unesco dimenticato

Scicli è un borgo siciliano che dal 2002 è presente nella lista del Patrimonio mondiale dell'Umanità UNESCO, insieme agli altri

La superstrada della Calabria costruita sui resti del tesoro archeologico

In Calabria, nel territorio di Bova Marina, l’antica Delia, sui resti della seconda sinagoga più antica dell'Occidente (IV secolo d.C.),

Così a Palermo hanno innovato un palazzo del cinquecento

Palazzo Branciforte a #Palermo è oggi uno dei luoghi della cultura più vivi e interessanti della #Sicilia. È parte di

L’abbazia bizantina del Salento

San Salvatore a Sannicola è un'abbazia bizantina del Salento, di cui le prime notizie ufficiali risalgono al 1310, ma che

Adottiamo le piccole stazioni

La Rete Ferroviaria Italiana ha ideato un programma di comodato d'uso gratuito delle stazioni più piccole e meno frequentate del

La torretta di Erice faro di pace del Sud

Dopo anni di incuria e abbandono, la Torretta Pepoli di Erice, episodio di eclettismo di fine '800 a picco sul

Top